sabato 22 ottobre 2011

Della sindrome dell'accorta casalinga (o della donna pioniera) parte II o di una torta di nocciole

Ricordate? ve ne parlavo proprio poco tempo fa (qui il post).

Bene, stamattina, all'alba, sconquassata da fastidiosissimi e virulenti attacchi di tosse (bello l'autunno che è arrivato, non c'è che dire, io ne sono felicissima, ma proprio così doveva arrivare? Riducendomi quasi subito ad un mezzo catorcio? Fine della parentesi e della geremiade), pensavo che una vera accorta casalinga si vede anche dal modo in cui usa il freezer. Ma che razza di pensieri ha questa qui, appena sveglia, la mattina? vi starete chiedendo, forse. Eh, sapeste quante volte mi sono fatta questa domanda, e non di rado con un filo di preoccupazione.

Ma non divaghiamo.
La vera accorta casalinga ha con il freezer un rapporto intenso, quasi morboso. 
Il freezer, per lei, non è soltanto un elettrodomestico comodo che semplifica e molto la sua vita quotidiana.
Il freezer rappresenta, in modo concreto ma anche simbolico e potente, forse la summa delle qualità che l'accorta casalinga deve possedere: senso dell'economia, del risparmio, capacità di gestire in modo sensato le risorse, odio dello spreco, lungimiranza e ingegnosità.

Nel freezer non trovano spazio solo pranzi o cene già pronte (porzioni di sformati o di lasagne, per esempio), ma anche ingredienti base ed accessori strategici - ed ogni casalinga accorta ha i suoi.

Nel mio non manca mai, per esempio, un sacchetto contenenti gambi di sedano: c'è stato un periodo in cui il gas cui appartengo è stato letteralmente sommerso da sedani. La provvidenza ha voluto che io leggessi da qualche parte che i gambi si conservano ottimamente in freezer e tornano sempre comodi (almeno spero; ne ho una discreta quantità).

Nel mio freezer ci sono anche due barattoli, uno contenente buccia di limone e l'altro buccia d'arancia finemente grattugiate. Temevo la permanenza sotto zero li trasformasse in due blocchi di ghiaccio e invece grande è stata la meraviglia quando mi sono accorta che ogni singolo fiocco rimane separato, pronto a insaporire pressochè qualunque cosa - fosse per me, le metterei quasi ovunque.

Nel mio freezer ci sono, soprattutto, grandi quantità di sacchetti contenenti albumi.
Da quando, anni fa, ho letto che la grande Nigellona ne conserva diverse decine nel suo immenso freezer ("sembra una succursale della banca del seme", ha commentato lei, con la sua proverbiale finezza), lo faccio anch'io. 
Non si possono fare meringhe ogni due per tre - ed io poi con le meringhe ho un rapporto assai difficile - e lasciarli scivolare nel lavandino come se niente fosse (so che ci sono tante persone che lo fanno, con disinvoltura), giammai.

Ed ecco allora che, periodicamente, si impone una ricerca incrociata sui miei libri di cucina alla caccia di ricette che prevedano l'uso massiccio, magari su scala industriale, di albumi.

Questa torta ne usa ben 5; quando l'ho letta non credevo ai miei occhi: quale meravigliosa occasione per disfarsi di due-ben-due sacchetti di albumi!

****

Gâteau léger aux noisettes da I love cake di Trish Deseine

(per una tortiera di circa 24 cm di diametro)

5 albumi
100 gr di burro fuso (nella ricetta originale: burro salato)
80 gr di nocciole in polvere (io prima le tosto appena, a secco, in un padellino)
100 gr di zucchero (nella ricetta originale: 150) 
75 gr di farina
zucchero a velo

Preriscaldate il forno a 200°. 
Foderate il fondo di una tortiera a cerniera e imburrate e infarinate i lati.

Montate gli albumi a neve.
Incorporate con delicatezza lo zucchero e le nocciole, poi la farina setacciata e infine il burro.

Versate il composto nella tortiera e cuocete per 15', passati i quali abbassate la temperatura a 150° e proseguite la cottura per altri 15'.

Aspettate che la torta sia tiepida prima di liberarla dalla tortiera e spolveratela di zucchero a velo.

La Spia - incredibile ma vero; di solito sono io ad avere di simili idee volgari - l'ha voluta farcita di una ganache al cioccolato. 
Ma questa torta è buona anche farcita di una buona marmellata di frutti di bosco o persino (ma siamo sicuri sia proprio io a dirlo?) così com'è, nature.

Enjoy!

(dimenticavo: se decideste di aprire anche voi la vostra casalinga succursale della banca del seme, ricordate di scrivere su ogni sacchetto quanti albumi vi sono contenuti.
Altra cosa: non abbiate paura di usare gli albumi surgelati, basta tirarli fuori dal freezer con congruo anticipo e lasciarli scongelare dolcemente, magari lasciando a bagno il sacchetto in un po' di acqua tiepida. Ma più di una volta, avendo deciso all'ultimo di usarli, ho utilizzato le maniere forti e li ho scongelati in pochissimo tempo immergendoli in una ciotola piena di acqua appena bollita. Non ne hanno risentito minimamente. La ragione fisico-chimica del perché si comportino in questo modo mi sfugge, ma non importa: io gliene sono molto grata, comunque, sì).

25 commenti:

  1. Ma dai!!! 5dico 5 albumi consumati tutti in un botto!!! Non ci posso credere... :DD
    Io di solito, dopo mesi di permanenza in frigo, gli albumi li butto :(( Comunque, buona questa torta, mi ricorda una vecchia torta trovata anni fa su topolino che andava completata con crema di burro... ma non si faceva solo con gli albumi!!
    Te la copio e buona domenica!

    RispondiElimina
  2. Guarda un pò, avrei cercato la ricetta della torta di carote che la mia l'ho momentaneamente persa, quando sono venuta a vedere le tue novità . Faccio questa invece di quella di carote . Perché da che la mia figliola si è laureata , è già la seconda volta che si festeggia . La prima volta Pan di Spagna , ora torta di nocciole e strudel e molto altro . Ho finito ora di preparare un paté di fegato che sto mangiando a quattro palmenti , purtroppo per la mia colite .

    RispondiElimina
  3. Guarda, non avrei mai pensato a un'idea così geniale... anzi, a così tante idee in un post solo! Gambi di sedano, scorzette di agrumi, albumi... ora devo solo trovare abbastanza spazio nel freezer! E, manco a dirlo, passo la ricetta del gâteau a chi di dovere (leggi: il consorte "cuciniere"...)! Un abbraccio, carissima Duck!

    RispondiElimina
  4. questa torta deve essere paradisiaca. schiumo saliva solo a leggerla, immaginarla (eh, che bell'immagine?).
    quanto al mio, di freezer... ehm.
    esso, al momento, contiene: ghiaccio. ghiaccio. una montagna di ghiaccio. un iceberg. (devo decidermi a sbrinarlo). altro ghiaccio. una coppetta monoporzione di gelato rimasta lì da agosto. (ma è al cioccolato eh! e anche bio)
    ecco. e questo è tutto.
    (OMG!!!)

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Già ne avevo il sentore.
    Ora l'assoluta certezza.
    L'unica sindrome di cui non soffro è quella della vera e accorta casalinga.
    (una volta ho scongelato un barattolo convinta che contenesse le patate già preparate in cui dover soltanto calare la pasta, e invece era il ripieno da mettere nella pastiera)

    Saluti :)

    (mi sono accorta di non soffrire neanche della sindrome da vera e accorta scribacchiante, ho fatto correzioni, adesso)

    RispondiElimina
  7. @ La magica zucca: giuro, è davvero buona!

    @ Giulia: crema al burro: potrei farci il bagno dentro. Saluti!

    @ Vitamina: che belli tutti questi festeggiamenti in famiglia! Chissà se l'hai fatta e com'è venuta.

    @ Cristina: sono o non sono un'accorta casalinga? :-) Saluti a te e al consorte cuciniere che mi fa una grande simpatia.

    @ Tiziana: oddio, pensa come dev'essere depresso il tuo freezer, tutto vuoto, incrostato di ghiaccio. Fallo almeno per lui, Tiziana, sbrinalo, e riempilo di cose buone!

    @ Alea: ah bene, a questo punto mi aspetto un dettagliato elenco delle altre tue sindromi (in separata sede, ovvio). Devo confessarti che mi si sono ritirate le gengive pensando al ripieno della pastiera scambiato per patate. E vabbe'. Saluti!

    RispondiElimina
  8. Ah, la torta di nocciole! Quella famigerata torta mai riuscita bene. In famiglia sempre a dirmi: "Però non è come quella che abbiamo mangiato in Piemonte!" "Già - rispondo sempre io - ma lo sapete pure che la ricetta è segreta! Come la Sacher Torte o i Pasteis de Bélem". No, da me non lo capiscono. Adesso però, provo questa ricetta e se non dicono più la fatidica frase...Bye&besos e buona domenica PS da noi in Romagna si dice "essere un catorz" (catorcio Ndr) e io, dopo il fine settimana belga, fra tosse, raucedine e l'essere afona un po' ti somiglio (forse in peggio)

    RispondiElimina
  9. quanti suggerimenti, Duck cara. Leggo, guardo e inizio subito ad applicare... Un bacione.

    RispondiElimina
  10. Per informazione : Ho fatto la torta di nocciole , è venuta proprio grazie alla Kitchen Aid che monta le chiare alla perfezione , e grazie a te che l'hai postata . Con 15 ragazzi in casa non solo è finita quella , ma anche tutto il resto .

    RispondiElimina
  11. @ Nela San: non se sia proprio "quella" torta di nocciole che vogliono i tuoi, però è buona, buona davvero. La raucedine e l'afonia mi mancano, ma tutto il resto ce l'ho. Saluti e auguri di pronta guarigione.

    @ Giacinta: ma quanto mi piace dare consigli da casalinga!

    @ Vitamina: bene, grazie per avermelo detto. Certo 15 ragazzi in casa sono una bella sfida, di quelle che piacciono a te.

    RispondiElimina
  12. La proveremo, senz'altro. Non dico nemmeno che è buona perché è implicito.

    Nel freezer abbiamo anche fagioli di pigna congelati quando erano ancora freschi (non ti dico le discussioni: se sono meglio quelli secchi o quelli congelati), pomodori (da adoperare solo per il sugo), basilico e ... la lista è lunga. Ciao.

    RispondiElimina
  13. anch'io congelo gli albumi, e ne faccio quintali di meringhe, delle quali la mia pargola va matta.
    ma sono sempre troppi...
    poi ci sono dei giorni in cui non ho albumi surgelati, come oggi, e devo comunque fare quintali di meringhe, e mi mangerei le mani.
    sai mica se anche i tuorli si conservano altrettanto bene?
    comunque, la torta con gli albumi potrebbe esser una mano santa, anche perché mi ispira parecchio parecchio parecchio!

    RispondiElimina
  14. Non ti dico che cosa c'è nel mio freezer quando sono da sola a Bologna.Meglio che tu non lo sappia. Decisamente NON sono un'accorta casalinga.La torta,comunque, mi sembra buonissima: sono pronta ad assaggiarla, se qualcuno mi invita....

    RispondiElimina
  15. Con questa bontà potresti partecipare al mio contest!

    http://dolciechiacchiere.blogspot.com/2011/10/il-mio-primo-contest.html

    RispondiElimina
  16. Ciao ti volevo invitare a partecipare al mio contest: Il dolce piu' peccaminoso!
    qui maggiori info:
    http://dolciricette.blogspot.com/2011/10/la-cucina-dei-7-peccati-il-dolce-piu.html

    Ti aspetto!!

    RispondiElimina
  17. @ Alberto: fagioli crudi, pomodori per il sugo e basilico: mi piacerebbe sapere in che forma conservate questi ultimi due. Io congelo il prezzemolo: lo lavo bene, lo asciugo benissimo - è cruciale - poi lo trito con la mezza luna e lo metto in un barattolo. Se è stato ben asciugato si mantiene benissimo, ben separato; altrimenti diventa un blocchetto di ghiaccio, inutilizzabile. La Spia congela anche il pesto: lo distribuisce in un vassoio per il ghiaccio e poi usa questi "ghiaccioli" per insaporire i suoi minestroni. Saluti!

    @ Gaia: non ho mai provato a surgelare i rossi e, magari mi sbaglio, ma ho l'impressione sia cosa da evitare. Baci

    @ Grazia: hai bisogno di un invito formale? Un abbraccio

    @ Serena e Dolci Ricette: grazie dell'invito ma i contest mi mettono grande ansia, dunque mi guardo bene dal parteciparvi. Buon divertimento ad entrambe!

    RispondiElimina
  18. I pomodori li sbollentiamo poi togliamo la pelle e li surgeliamo interi. Il basilico ben asciutto, foglie intere. Il pesto noi lo conserviamo nel frigo, ben coperto d'olio, ma senza formaggio che aggiungiamo al momento di usarlo. Ciao.

    RispondiElimina
  19. @ Alberto: mi conforta molto sapere che si possono surgelare i pomodori da sugo, soprattutto per la Spia che è uno spaghettini-al-pomodoro dipendente. Grazie per le informazioni, grazie davvero per esser tornato qui a spiegare. Saluti!

    RispondiElimina
  20. mi regali qualche albume? in questo periodo ho il problema opposto... uso albumi in quantità e ho tuorli che avanzano! cercherò nel tuo blog ricette che mi facciano usare tuorli, altrimenti potremmo fare uno scambio...
    Uso gli albumi anche per la panificazione casalinga, in pane, pizza e grissini. Invece nel mio freezer oltre alle erbe e ai sughi infilo gnocchi e lasagne, quando li faccio.

    RispondiElimina
  21. Questa torta la proverò sicuramente! Mi hanno giusto giusto regalato alcuni kili di nocciole! :)

    un bacio

    RispondiElimina
  22. cara la mia Duck, pensa che per me il freezer quasi non esiste, a parte una piccola scorta di pane per emergenze ospiti di passaggio dato che non amo il pane e non ne mangio...un saluto al volo da me che per alcuni mesi ho trascurato il mio blog (ma pare sia fisiologico un periodo di 'stacco', da quello che ho letto in giro...), Ho comunque ripreso, e sempre ti ho continuata a leggere. Allora, oltre al saluto una domanda: in una mail privata di tanto tempo fa che mi sono persa mi avevi consigliato una libreria on line tipo amazon, ma piu' cheap e altrettanto fornita ed efficiente. Mi puoi ridare il riferimento? L'avevo consultata al tempo e mi era sembrata ottima ma mai usata, quindi non ho alcun riferimento..Ah, no, altra domanda!! sto facendo la pagina Etsy per un progetto che poi ti faro' vedere quando ha definitivamente preso forma, ma... bisogna per forza dare i dati della propria carta di credito per aprire la vetrina o c'e' un altro modo? speravo bastasse Postepay, online la preferisco...bene, grazie mille e un abbraccio grande! Donatella

    RispondiElimina
  23. Però, questa non la sapevo. Quanti albumi sprecati (non nel lavandino, ma nel water sì...).
    E finalmente una ricetta che non sia di meringhe, per utilizzarli (le meringhe non mi vengono!).
    ...Quand'è che ci parlerai del rapporto con un altro importante elettrodomestico dell'accorta casalinga: l'aspirapolvere, alias Folletto?
    Inseparabile compagno...amore e odio...
    Ciao, buona domenica!!

    RispondiElimina
  24. @ trameorditi: ma quanto mi interessa sapere che cosa c'è nei vostri freezer! Lasagne e gnocchi nel tuo: attenzione che non lo sappia la Spia, che potrebbe svuotartelo :-)

    @ Iulia: ciao, che bello ritrovarti qui! Ma chi è che ti regala "alcuni chili di nocciole"? Voglio conoscerlo!

    @ Donatella: bentornata anche a te! Ti scrivo e rispondo a tutto.

    @ Simo: purtroppo temo non parlerò mai del mio rapporto con l'aspirapolvere, semplicemente perché non ne ho. L'aspirapolvere, in questa casa, lo usa solo la Spia (e la signora che ci dà una mano in casa quando viene). Però posso parlare del mio rapporto con la lavatrice, se per te va bene :-)

    RispondiElimina