lunedì 28 febbraio 2011

Che cosa combino nella stanza accanto: esperimenti con il rame



Di solito, se mi è possibile, preferisco dedicare le mattine ai lavori di tipo intellettuale (una parola grossa, nel mio caso, ma insomma, come si dice a Roma "famo a capisse").

Se ho qualche libro da tradurre o da leggere e studiare, è in genere di mattina che lavoro con più concentrazione e con migliori risultati.

Nel pomeriggio, invece, sento di aver bisogno non solo di far riposare i già affaticati e sparuti neuroni, ma anche di usare le mani e se non cucino (fare i cosiddetti lavori di casa è raramente un'opzione che contemplo, ahimé) passo qualche ora a lavorare con perle e perline.

Ho la fortuna di avere a disposizione due spazi ben distinti: uno studio con libri, dizionari, computer e tutto quello che può servirmi per leggere, scrivere e studiare e una stanza dove invece posso dedicarmi ai lavori manuali.

In questa stanza, negli ultimi tempi sto facendo esperimenti con il filo di rame.

Mi piacciono le sue diverse sfumature: quella brillante e aranciata che ha naturalmente e quella opaca e più scura che si ottiene semplicemente avvicinandolo a una fonte di calore (nel mio caso, il fornello della cucina) e poi usando, con mano leggera e senza troppe pretese di perfezione, della finissima carta vetrata.

Tra l'altro mi pare che in quest'ultima versione stia bene con praticamente quasi ogni colore.

Sento già che sto per piombare allegramente nel meraviglioso gorgo di una nuova ossessione...

Potete trovare questi ed altri miei esperimenti nel mio shop, proprio qui

12 commenti:

  1. Il rame è un materiale bellissimo e tu lo sai sfruttare benissimo con forme e con colori adeguati. Vado subito a vedere tutti i tuoi esperimenti

    RispondiElimina
  2. Splendido, anch'io adoro il rame! Sei bravissima, ho guardato gli altri tuoi oggetti sul sito: davvero una bellezza.
    Grazie per la segnalazione, cara Duck!
    Lara

    RispondiElimina
  3. Ma!
    Questa poi! Sono davvero bellissimi... corro a visionare il negozietto!

    wenny

    RispondiElimina
  4. che bello essere un'artista così versatile... a me la dimensione della creatività manuale manca tantissimo... a volte vorrei almeno avere accanto allo studio da scrittore un atelier dove sbizzarrirmi a pasticciare coi colori... :)

    RispondiElimina
  5. Che voglia Duck di star lì con te!
    Bellissimi! Hai ragione il rame esalta qualsiasi colore!
    Bacio

    RispondiElimina
  6. Ma anche queste meraviglie sai fare, Duck? Mi sa proprio che ci faccio un pensierino... un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. brava ! mi pia tanto i secondi

    RispondiElimina
  8. Che belli, queste forme sono così essenziali, bellezza scarna eppure fulgida. Insomma qui tra neuroncini e manine, c'è un gran bel traffico !

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti per l'incoraggiamento!
    E in particolare:

    @ Grazia: sì, sto scoprendo le molteplici virtù di questo metallo: si lavora bene e basta poco per fargli assumere sfumature di colore diverse. Credo di essere entrata in un "periodo rame"!

    @ Lara: grazie a te!

    @ Wenny: tengo molto al tuo giudizio estetico, dunque mi fa particolarmente piacere che ti piacciano.

    @ Zio Scriba: "artista" è una parola davvero molto grossa per me! Guarda, per esperienza posso dirti che non è mai troppo tardi per mettersi a pasticciare con le mani e un angolino dove farlo lo si trova, se si vuole.

    @ Giacy.nta: che bella cosa mi hai scritto! Il tavolo a cui lavoro è grande, c'è spazio anche per te!

    @ Cristina: quando vuoi, sono qui per servirti!

    @ Vera: sì, anche a me. Infatti me ne sono fatta un paio da tenere. Un abbraccio

    @ Marilì: mi piacciono le forme elementari (quadrati, rettangoli, tondi, spirali, triangoli) e ci sto giocando un po'. Comunque hai ragione, c'è un gran bel traffico da queste parti e soprattutto molto divertimento. Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  10. oggetti bellissimi!!!
    brava ,un saluto tiziana

    RispondiElimina
  11. Il tuo shop è delizioso, ma questo te l’ho già detto più volte. Io non potrei mai indossare orecchini di rame né orecchini in generale. Da ragazzina ho infilato di tutto nelle mie povere orecchie: ora non riesco neppure più ad indossare orecchini con gancetto d’oro. Sigh!

    Mi piace particolarmente l’accoppiata rame + varie sfumature dell’azzurro e rame + varie sfumature del verde. Un contrasto delicato.

    RispondiElimina
  12. @ Tiziana: grazie e benvenuta. Vado a curiosare da te.

    @ Barbara: o povera, mi dispiace. Io senza orecchini mi sento una donna dimidiata - ormai me li metto anche se prevedo di stare a casa in tuta.
    Quanto agli abbinamenti, sì, anche secondo me il blu e il verde sono tra i colori più armoniosi con il rame, ma anche il viola ci sta benissimo.
    Abbracci

    RispondiElimina