mercoledì 5 gennaio 2011

Le poesie del mercoledì: Una strana gioia - Ariodante Marianni



Ricordate Ariodante Marianni e la sua L'amore è una guerra?

Per questo primo appuntamento del nuovo anno delle poesie del mercoledì, poche mi appaiono più adatte e più beneauguranti di questa sua piccola gemma.

Sarebbe bello se ogni giorno di questo nuovo anno cominciasse così.


****

Una strana gioia


Strana gioia di vivere
la chiamò Sandro Penna,

un frizzante vinello,
un diavoletto in corpo.

Ti svegli e vai alla finestra,
respiri largo, ti stiri,

senza volerlo sorridi,
cerchi un motivo ma non c'è,

niente è diverso da ieri,
nessun prodigio è in corso.

Forse è un compenso,
o un premio perché vivi.


(da Una strana gioia, 2002)

11 commenti:

  1. Non conoscevo Ariodante Marianni. Mi piace molto. Ti ringrazio non solo per averlo proposto ma anche per il modo limpido e delicato in cui l'hai fatto.
    P.S.
    Fantastico il ciondolo!

    RispondiElimina
  2. @ Giacinta: sono contenta di averti fatto conoscere Marianni (che conosco poco anche io, tengo a precisare) e soprattutto di aver trovato, a quanto pare, il modo più adatto a te per 'presentartelo'.
    (Il ciondolo col sole che ha nella foto del primo post è davvero fantastico, vero? Un po' figlio dei fiori, un po' Easy Rider!)

    RispondiElimina
  3. Che bella questa poesia ,lieve, leggera,allegra: la gioia di viver, così semplicemente.Grazie !

    RispondiElimina
  4. fa-vo-lo-sa!
    è proprio così, come lui lo scrive, niente di più, niente di meno.
    una penna veramente felice, codesto ariodante...

    RispondiElimina
  5. @ Grazia: proprio nelle tue corde, aggiungerei io.

    @ Gaia: penna felice, sì. Intendo trasformarmi in segugio e cercare ovunque i suoi libri.

    RispondiElimina
  6. Bellissima poesia, me la sono appena scritta sulla mia agenda, così ogni tanto la rileggo. Grazie per aver fatto conoscere anche a me Marianni! :)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. @ Iulia: che bello pensare che questa poesia sia ora sempre nella tua agenda. Grazie per avermelo detto.

    RispondiElimina
  8. così leggera, così ariosa, che potrebbe alzarsi in volo (e portarci un po' con con lei).

    RispondiElimina
  9. Che bella duck, bellissima, grazie.

    RispondiElimina
  10. grazie per avere contribuito alla conoscenza della poesia di Ariodante; ora rinasce anche il blog a lui dedicato, qui http://ariodantemarianni.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. @ Eleonora Bellini: grazie a te per la gradita segnalazione.

    RispondiElimina